no.au

Home » Know how » VINI FRIZZANTI “ANCESTRALI”

VINI FRIZZANTI “ANCESTRALI”

despina-quarticello-vino-frizzante-malvasia-metodo-ancestraleVini frizzanti come il Blanquette Le Moulin Brut di Domaine J. Laurens e Mauzac Nature 2010 di Domaine Plageoles sono prodotti secondo il metodo tradizionale, detto “Ancestrale”. Questo procedimento consiste in una leggera pestatura degli uvaggi, in modo da estrarre fermenti autoctoni dati dai microscopici funghi presenti sui grappoli. Avviene, poi, una prima fermentazione a bassa temperatura; segue la seconda fermentazione (dagli 8 ai 12 mesi), durante la quale il vino acquista la sua naturale frizzantezza. Non c’è l’aggiunta, a differenza del metodo classico o champenois, del liqueur de tirage (quindi di lieviti estranei), né di liquer d’expédition, che corregge il grado di dolcezza. Il processo di rifermentazione avviene, dunque, solo con i propri zuccheri residui. Gli spumanti ottenuti col metodo ancestrale posso essere sottoposti o no alla sboccatura (dégorgement); nel caso in cui quest’ultima non venga effettuata, il prodotto si presenterà torbido, con una nota olfattiva di crosta di pane, formaggino più accentuata, che indica maggiore presenza di lievito. Lo stesso metodo viene usato per produrre il lambrusco frizzante (come il Ferrando di Quarticello) o la malvasia frizzante (ad esempio, la Despina di Quarticello).

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: