no.au

Home » Dimmi cosa bevi... » MONTANAR: LA RIVOLUZIONE DELL’ETICHETTA

MONTANAR: LA RIVOLUZIONE DELL’ETICHETTA

L'etichetta del Friulano 2012 Borc Sandrigo di Denis Montanar (fronte)Il retro dell'etichetta del Friulano 2012 Borc Sandrigo di Denis Montanar

Sappiamo davvero cosa beviamo? A indicarcelo, in teoria, dovrebbe essere l’etichetta posta sulle bottiglie che compriamo. Nel caso del vino, quella che dovrebbe essere la carta d’identità del prodotto ci mostra degli elementi che non riescono a soddisfare pienamente la voglia di sapere cosa stiamo versando nel calice. Le denominazioni (IGT, DOC, DOCG), ilnome del vitigno, il riferimento al territorio, alla cronaca e alla storia della bottiglia (e dell’azienda che lo produce) sono state fino adesso le informazioni scelte per apparire sulle etichette. Ma davvero bastano? Se lo è chiesto un vignaiolo friulano, Denis Montanar, che per i suoi vini ha scelto l’agricoltura biodinamica e, per il suo Friulano 2012 Borc Sandrigo, ha prodotto un nuovo tipo di etichetta, piena zeppa di informazioni (vedi foto): dal territorio, al metodo di coltivazione, a eventuali trattamenti, fino alla presenza di anidride solforosa.

Una vera e propria rivoluzione, in linea con la voglia di qualità e trasparenza di chi coltiva secondo le leggi della biodinamica.

Non resta che stappare la bottiglia!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: