no.au

Home » Know how » LE MATERIE PRIME DELLA BIRRA: ACQUA E LIEVITO

LE MATERIE PRIME DELLA BIRRA: ACQUA E LIEVITO

Un fermentatore

Quanto è importante l’acqua nella produzione della birra? Importantissima: la sua presenza nella bevanda oscilla tra il 90% e il 93%. Dopo l’orzo, è quindi il secondo elemento fondamentale per produrre una buona birra.

Ma c’è acqua e acqua: difficilmente le migliori provengono da grandi fiumi o laghi; piuttosto, le acque di ruscelli o sorgenti sono quelle più ricche di sostanze minerali e organiche e di microrganismi come batteri e lieviti (and so on). Esiste una vera e propria geografia brassicola, soprattutto in funzione dei corsi d’acqua presenti nel territorio dove viene prodotta la birra. E’ interessante notare come, anche in una stessa regione, due corsi d’acqua a poca distanza l’uno dall’altro, danno alla bevanda due sapori anche completamente diversi.

Senza i lieviti, invece, non avverrebbe la fermentazione del mosto. Niente anidride carbonica, niente alcol. I responsabili di queste due caratteristiche della birra sono proprio questi microrganismi appartenenti alla famiglia dei funghi, che si nutrono degli zuccheri presenti nel mosto e li trasformano, appunto, in anidride carbonica e alcol. In presenza di ossigeno, i lieviti lavorano meglio e generano enzimi necessari all’assimilazione e conversione del mosto. Quando la quantità di mosto non trasformato inizia a scarseggiare, i lieviti si cominciano a sedimentare.

Per la birra, vengono usati principalmente due tipi di lieviti: il Saccharomyces carlsbergensis e il Saccharomyces cerevisiae. Il primo agisce a una temperatura che va dai 5° agli 8°C e viene usato, dunque, per le birre a bassa fermentazione (lager). Il processo, in questo caso, può durare fino a due settimane e dà vita a birre dal gusto, generalmente, più pulito, leggere e fragranti.

Il secondo tipo di lievito viene utilizzato per le birre al alta fermentazione (ale) e agisce a una temperatura che va dai 16° ai 23°C. Il processo dura poco (3-4 giorni), visto che il calore lo favorisce. Le birre che si ottengono con questo metodo hanno aromi e sapori particolarmente intensi.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: